Vieni a conoscere il Navertino

Passione di famiglia

Le sorelle Giovanna e Renza devono alla madre Giuseppina la passione per il loro lavoro.
Era il 1972 quando questa decise di trasformare la stalla ed il fienile in una piccola trattoria con camere. Un luogo semplice e alla buona, che ebbe fin dall'inizio un buon successo grazie all'amore e all'attenzione che non mancavano mai nel lavoro e la qualità della cucina a base di piatti rigorosamente preparati con prodotti genuini.
Inoltre la posizione panoramica e tranquilla di questo angolo nascosto tra i monti hanno da subito attirato clienti alla ricerca di pace e relax, lontano dal caos cittadino o dall'allegra vivacità del centro paese.

 

 

Dal 1970 a Kilometro 0.

Si parla tanto di Km 0 in questi ultimi tempi, e se ne parla (passateci il termine) come se fosse la scoperta dell'acqua calda... In verità chi ne ha coniato il nome non ha inventato nulla di nuovo.
Sì perchè in fin dei conti cos'è questo Km0?
Km0 è mangiare le fragole a maggio e i broccoletti a gennaio, il tarassaco a marzo e le verze col freddo a dicembre. Km0 è quando le zucchine arrivano direttamente dall'orto e le susine dall'albero, il latte e il formaggio dalla mucca di una stalla vicina e le uova dal pollaio. È la polenta fatta sulla stufa a legna, è la pasta all'uovo che con abilità, farina e mattarello, diventa casoncelli. Km0 esiste quassù da tempi lontani, da quando ancora non c'erano i supermercati, e si faceva la spesa del giorno in bottega, da quando la parola “bio” non era ancora di moda e il cibo era senza ruote e nemmeno ammaestrato. Km0 è mettere passione nel cucinare fin da quando la cucina non era una passione, ma una missione per riempire di cibo buono pancia, occhi e cuore.